lunedì 16 gennaio 2012

L'arte di scrivere





Osservate questo dipinto di Balthus, famoso scrittore francese di origine polacca, vissuto fino all’inizio del nostro secolo. 
Osservate l’atmosfera che emana questa tela.  
Osservate i dettagli, lo sguardo della, credo, bambina e quella del gatto sul tavolino.
Poi chiudete gli occhi e pensate. Quali emozioni vi ha trasmesso il dipinto?
Ora, mettetevi davanti ad un foglio bianco e provate a scrivere un racconto ispirato alla sensazione che vi ha procurato l’osservare.

Ad esempio, questa immagine ha suscitato in me molta inquietudine tanto da farmi scrivere un racconto duro e malinconico, dove la protagonista adolescente, si è spinta al suicidio nell’età adulta, dopo aver distrutto il suo sogno di diventare ballerina per seguire un amante che l'ha ripudiata.

Esiste un sottile collegamento tra le varie forme d'arte: ogni genere di bellezza artistica può ispirare la scrittura, la pittura e persino la musica.

In alcune scuole di pittura è dato dipingere ad occhi bendati, ascoltando le dolci note di una canzone.

E perché no! magari proprio la lettura di un romanzo può ispirare le note al musicista e l'immaginazione ad un pittore.

In fondo dall’arte non può che nascere arte.

E voi avete mai provato a scrivere ispirati da una melodia o da un quadro?

Se vi scappasse la voglia di scrivere un racconto ispirato al quadro di Balthus, potete inviarmelo, lo pubblicherò sul blog ad una sezione dedicata.



20 commenti:

  1. E' interessante scrivere racconti in questo modo, pensa che io ne ho già parlato nel blog... in un post che deve ancora uscire :D

    Metto il racconto, anzi il progetto del racconto, nei lavori da fare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniele,
      ti ho risposto più sotto.
      Mi devo ancora abituare alla risposta diretta.

      Elimina
  2. Questo quadro lo conosco benissimo, ne ho una riproduzione appesa in casa mia.
    Se mi viene un racconto te lo spedisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Henryx,

      io invece è la prima volta che mi avvicino a questo pittore, ho dato uno sguardo anche al resto delle sue opere.
      Se ti esce un racconto sono felice di pubblicartelo.
      Chiudi gli occhi e concentrati.

      Elimina
  3. Io mi faccio ispirare molto dall'arte in genere... molte mie poesie nascono come canzoni, poi, dato che non sono una cantante e non sono esperta in scrittura musicale, resta solo il testo. Oppure mi faccio ispirare dalla natura e quale forma d'arte più grande esiste al mondo? Un bel paesaggio, una luce insolita, una brezza primaverile...
    Bella iniziativa... se non c'è una scadenza, credo di poter scrivere anche il racconto sul quadro... Brava Lisa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Romina,
      mi hai fatto emozionare. solo il poter osservare un elemento che la natura ci offre, anche una piccola goccia che scende dal vetro della finestra e si fa sempre più grossa, come racconta Cortazar, è il più grande regalo divino che possiamo ricevere e il nostro compito è quello di riuscire a cogliere questo momento.
      Non c'è scadenza. Quando ti viene il racconto sono contenta di pubblicarlo

      Elimina
  4. Ciao Daniele,

    sì è veramente interessante scriverli a questo modo.
    Per me è stata la prima volta e credimi non pensavo che uscisse una storia così triste, insomma un lato oscuro di me che non conoscevo.
    Sono curiosa di leggere il tuo post sull'argomento.

    RispondiElimina
  5. Che belle parole, Lisa!
    Solo una cosa: il tuo racconto dove è? Non ho capito se è già da qualche parte oppure lo pubblicherai in seguito... se non c'è scadenza, appena ho un attimo di respiro ci lavoro... non ci sono limiti di battute? Insomma, si vedrà... a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio racconto non l'ho pubblicato.
      Aspettavo a farlo qualora ne arrivino altri da voi, in tal caso potrei aggiungere anche il mio. Ho pensato di ospitare prima i vostri.
      No, non ci sono limiti, figurati, puoi scrivere quattro righe come quattro pagine, non c'è limite alla creatività.

      Elimina
  6. Domani Daniele dovrebbe parlare dei Limerick sul suo blog Pennablu, intanto ho provato a comporne uno ispirandomi al quadro di Balthus.
    (Il Limerick di solito si usa per la poesia frivola, stavolta proverò a fare un'eccezione)


    La morte di Paula scoperta da Rebecca
    (by Henryx)

    "Risvegliati Paula! Non finger!"
    La luce riversa la tinge,
    ma l'alba non sveglia
    e Rebecca si acciglia.
    Già avverte il suo gatto la morte che attinge!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Henryx: molto carina, complimenti ti è uscita bene!
      Se riesco a realizzare la sezione dedicata, che, posso aggiungere la tua poesia?

      Abbiamo avuto in anteprima la soffiata sul blog di Daniele. Il limerick mi ricorda l'haiku, la poesia giapponese, pochi versi a condizione che ci siano diciassette sillabe ma niente di frivolo.

      Visto che hai il quadro di Balthus sotto gli occhi tutti i giorni, quella creatura con il caschetto secondo te è una bambina?
      Mi impressiona!!!

      Elimina
  7. Io ho uno strano rapporto con la pittura, perché a volte non la capisco. Sono invece piuttosto sensibile alla musica. Quando sono disperato e l'ispirazione non viene, ho delle playlist pronte per l'uso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Argonauta Xeno,

      anch'io a volte sono ispirata dalla musica. Il mio primo libro l'ho corretto sotto le note dei Pink Floyd. Vorrei provare con la musica classica e vedere cosa esce.

      Elimina
  8. @Mariolino: Ciao e benvenuto!
    Sì, si era capito.

    RispondiElimina
  9. Certo che sì, aggiungi tranquillamente anche il mio Limerick (che però non è propriamente un Limerick dal momento che è privo di un elemento fondamentale, ovvero il luogo geografico (vedremo cosa dirà domani Daniele a riguardo nel suo blog).
    L'idea che la creatura col caschetto fosse una bambina è tua Lisa, io l'ho semplicemente battezzata Rebecca; in realtà fino a ieri questa entità l'avevo sempre vista maschio, adolescente, un po' effeminata giusto per la gonna, un po' strana, certamente inquietante, intelligente e per niente cattiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, anche tu hai avuto dubbi sulla bimba!

      Avevi ragione è uscito l'articolo del Limerick sul blog di Daniele. Beh, anche se non hai rispettato i canoni del Limerick preferisco di gran lunga il mezzo Limerick che hai pubblicato sul mio blog.
      Ho scritto troppi Limerick!!!

      Vedrò di Limerickare anch'io su Penna Blu.

      Elimina
  10. Bella l'idea di scrivere i racconti così:-)

    RispondiElimina
  11. Grazie Ferru, è un modo diverso di sviluppare la creatività.

    RispondiElimina